Come controllare la fame e perdere peso

dimagrire

Se chiedete a chiunque voglia perdere peso qual’è la parte più difficile del suo programma, state certi che vi risponderà: eliminare i morsi della fame e le voglie improvvise di particolari cibi. Nell’era moderna il nostro corpo è stato così abituato a sentirsi sempre sazio che mangiare anche nell’intervallo tra i pasti è diventata un’esigenza.

Questa cattiva abitudine rappresenta certamente una delle principali cause di aumento di peso nelle persone. La maggior parte del cibo che si consuma sotto forma di spuntino o snack è malsano anche se saziante. Per questo motivo è importante focalizzare l’attenzione sul come possiamo frenare la fame. In tal modo, non solo riuscirete a perdere peso più velocemente, ma vi adatterete nel seguire uno stile di vita sano e privo di calorie e grassi in eccesso.

La differenza tra Fame, Sazietà e Appetito

La maggior parte delle persone pensa che questi tre termini condividono un significato comune. Ebbene, questo non è vero. Quando si parla di appetito non significa necessariamente che proviamo fame, mentre la fame non significa sentirsi sazi e soddisfatti.

In realtà possiamo affermare che l’appetito è più sinonimo di voglia. E’ sempre associabile ad un forte desiderio di mangiare un particolare tipo di cibo o comunque a qualcosa che consideriamo “buono” cioè appagante per noi. Sicuramente anche a voi sarà accaduto di esclamare frasi del tipo “Ho tanto appetito che mi mangerei un bue!” oppure “Ho tanta voglia di mangiare qualcosa di buono!”.

Ben diversa è la sensazione di fame che è definibile come la condizione che si verifica generalmente quando il corpo ha urgente bisogno di nutrimento. Può accentuarsi con l’insorgere nella persona di tremori, nervosismo, mal di testa, e brontolii dello stomaco.

Infine, la sazietà è più semplicemente la sensazione di appagamento e pienezza. Le persone smettono di mangiare quando si sentono davvero sazie.

I fattori che giocano un ruolo importante

I tre termini associati con il cibo di cui abbiamo accennato (la fame, l’appetito e la sazietà) sono influenzati da alcuni ormoni del corpo come la colecistochinina, la leptina, la grelina e l’insulina. Tutti questi ormoni inducono il corpo a richiedere specifiche esigenze di nutrimento. Inoltre, essi influenzano il comportamento ed il pensiero delle persone in relazione alla fame, all’appetito e alla sazietà.

Un esempio pratico di quanto detto è ciò che si verifica quando una persona avverte un intenso desiderio di continuare ad assumere cibo, anche se ha già mangiato abbastanza. In questa circostanza, la ghiandola endocrina produce ormoni in numero eccessivo e questi fanno salire il livello di sazietà della persona. A volte, la sovrapproduzione dell’ormone leptina può indurre intenso appetito spingendo il soggetto a desiderare alimenti altamente insalubri.

Come frenare la fame

Ci sono diversi modi che possono aiutarci a gestire in modo efficace la fame. Prevedere orari alimentari irregolari può spingere il corpo ad adattarsi alla nuova pianificazione dei pasti. Questo non significa, però, che dovremmo mangiare in modo irregolare, ma piuttosto disperdere i pasti durante tutta la giornata.
Il consumo di pasti meno ricchi di amido e zucchero può ridurre i livelli di fame. L’eccessivo consumo di zucchero può causare fluttuazioni dello stesso nel sangue, che non riguarda solo il modo in cui si può perdere peso, ma può anche causare l’insorgere del diabete.

Cinque alimenti per fermare la fame

Vi sono cinque alimenti veramente eccezionali che aiutano a  fermare la fame nervosa che spesso ci attanaglia in alcuni momenti della nostra vita. Questi alimenti sono le mele, le mandorle, il the verde, gli spinaci e i finocchi.

Provare per credere.

Share
  • Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"