Perchè la maggior parte delle diete non funziona?

Se siete alla ricerca di un modo per perdere peso velocemente, naturalmente starete analizzando le varie offerte presenti in internet, in tv o sui giornali, ma prima di continuare nella vostra ricerca, vi invitiamo a leggere questo articolo in cui spieghiamo perchè la maggior parte le diete non funziona. E’ facile imbattersi in proposte di diete miracolose che promettono di farvi perdere 7 chili in tre giorni, 10 chili in una settimana o anche 20 chili in un mese! Attenzione a queste proposte: sono assurde! Tenete sempre a mente come regola base che, per rimanere in buona salute,  non si dovrebbero perdere più di 4-5 chili al mese.

E’ facilmente immaginabile che non si possa pensare di rimanere in buona salute seguendo una qualsiasi dieta basata ad esempio su cibi con basso contenuto di carboidrati e proteine, o che consiste nel mangiare esclusivamente cavoli e pompelmi.

Forse è superfluo raccomandare di evitare qualsiasi dieta che preveda l’assunzione di un elevato numero di pillole o sostanze chimiche o seguire un’alimentazione basata su cibi che rendano il vostro corpo più di natura acida.

In seguito la maggior parte dei piani di dimagrimento finiscono per raggiungere il risultato opposto di ciò che si desiderava. Si aumenta di peso indesiderato, perchè il tuo corpo si protegge disperatamente dall’ acidità causata da queste diete accumulando grasso. L’unica soluzione vera e duratura al sovrappeso è quella di cambiare le proprie abitudini alimentari in modo che il sangue abbia un livello di PH alcalino sano in ogni momento. Questo aiuterà a rimanere in forma, eliminando le tossine e rendendo fattibili la maggior parte degli esercizi.

TV, internet e giornali ci bombardano di consigli su come perdere peso utilizzando molte forme. Ma, a ben vedere, il più delle volte le “nuove” e “rivoluzionarie” diete sono in realtà vecchie diete che fanno ritorno. Per esempio la dieta con alte proteine a basso contenuto di carboidrati è antica quanto la dieta originale di Atkins, che è stata presentata al pubblico la prima volta nel lontano 1970. Anche se è un concetto di dieta antico, viene ancora spesso commercializzata come “ultima novità del settore” utilizzando nuovi nomi con confezioni moderne.

Una moda assurda che ha ottenuto un certo successo negli ultimi anni è quella delle diete che raccomandano il consumo di solo alcuni alimenti o che vietano un gruppo specifico di alimenti. Un buon esempio è la dieta zuppa di cavolo, o quella dove si mangiano solo banane un giorno e si beve solo latte il giorno successivo. Altri incredibili esempi di diete folli sono la dieta dell’ anguria o la dieta del pompelmo, che prevede il consumo esclusivo di un solo alimento. Non si può vivere consumando un solo tipo di alimento per tutto il giorno e aspettarsi di rimanere in buona salute.

La verità dietro l’aumento di peso della società moderna è che le persone introducono sempre più calorie del necessario e, contemporaneamente, svolgono sempre meno attività fisica. Quando si tratta di aumento di peso, il nostro corpo non fa distinzione tra i tipi di calorie, per lui è importante solo il numero di calorie che si assumono.

La mania di seguire diete innovative e senza fondamenta scientifiche, non solo rappresentano una scelta malsana ma può portare, quasi sempre, al risultato contrario, cioè ad un  aumento di peso. Infatti, anche se la maggior parte delle diete causano una perdita di peso iniziale, il risultato finale è che, nel tempo, non solo si riguadagna tutto il peso perso, ma anche qualcosa in più. E se questo processo non avviene entro pochi giorni, si può star certi che avverrà entro un anno.

Share